Canti affilati, di Domenico Brancale

recensione al secondo libro del poeta lucano – FRANCO MASOERO, Edizioni d’arte, Torino, 2003, con inchiostri di Hervé Bordas

Domenico Brancale presenta il suo quarto libro, L’ossario del sole (Passigli Poesia, 2007).
Quattro anni prima pubblicava invece le tredici poesie di CANTI AFFILATI (Franco Masoero, Torino, 2003).
Rispetto CANI E PORCI, c’è l’ingresso prepotente della lenga lucana: nella versione dialettale il ritmo di queste canzoni si modula attraverso l’invarianza di una serie di parole assonanti, alla fine di ogni verso. Rimarco questo aspetto perché la versione italiana non riesce a mimetizzare lo stesso lavoro sonoro.

In Cani e porci il tema dominante era quello dell’esistenza in grado di parlare anche da un’assenza; lateralmente uno dei concetti base, il pensiero, poneva di fronte ai nostri occhi le fratture sociali/intime, fino al sopraggiungere pure della follia.
Nella spaccatura/solco di questo pensare del poeta, troviamo stavolta il tema di un essere di carne-terra immortale (seconda quanrtina del testo n°12: Carne e terra/sono una cosa sola/fitte di gioia/che riempiono il mondo – Carne e terre/so’ na cose sùle/cìgghie di gioie/ca ghìnghiene u munne). Le parole umane si fanno segno perché mburchiàte nd’ ’a terre (conficcate nella terra) e l’uomo come il latte contenuto dall’agave si fa visibile solo grazie ad una lacerazione repentina, anch’essa parte della non-morte, della vita, qualcosa che s’appìccica nd’u sanghe (si accende nel sangue), nu sciusce di viènde/ripigghiète di cuòste/a llu zinzile di nu curperòne/nd’ ’a camàsce (un soffio di vento/rinvenuto accanto/allo straccio di un corpo/stremato nella calura).
Il tema viene ribadito più volte (testo n°3: Dove sono io/non cè morte che mi consuma – Addò sòo i/no’ ng’è morte ca mi strùsce; testo n°11: Pure sottoterra […]/Sono certo/che mi sentirò felice/lì sotto in segreto/nella folla del nero – Pure sottaterre […]/Sòo vere sicùre/ca mi ngi ’ggi’ ’a ricrijà/llà sotte a lla micciune/nd’ ’a ’ccisione d’u nìure) e ben descritto nel testo n°6:

Centomila volte
una pietra scagliata
che una scheggia
nel mare degli occhi
Sola
come un chiodo
che si è radicato
nel cuore del legno
ti strappa l’avvento del sole
Ma vuole o non vuole
una coltellata di luce
a me
non mi abbandona mai

Cientimila vòte
na pitrate
cchiù mbrèste na skerde
nd’u mare di l’uòcchie
Schitte
com’ a nu chìuove
ca si ngi v’arrarichète
nd’u core d’u lèune
ti stràzze ’a lustre d’u sòle
Ma vóle o non vóle
na curtellàte di luce
a mmi
non mi làsse màie

Tuttavia la condizione in cui vive questo soggetto divaricato dai silenzi, spirdute/mmienz’ a na chiazze (sperduto/in mezzo alla piazza), non è passiva rispetto la lacerazione: c’è una riappropriazione completa dell’esistenza, della vita che incarna, che si ritrova in tutto e per tutto nell’immagine del filo d’erba/che non si arrende al muro di catrame/e lo trafigge (dal testo n°7) ed è per questo che Il sole/che si apre/al vento/del coraggio/pare/un melograno/che scoppia/di sangue (testo n°8; a proposito, pare quasi che Brancale stia rubando all’introduzione di Foglie d’erba di Whitman lo spirito, quello del poeta che è tale perché non ha paura della morte).

Le visioni di questa raccolta continuano a farsi una dentro l’altra (il deserto/un panno steso dentro gli occhi/che non aveva fine – u desèrte/nu panne stìse daìnt’ a ll’uòcchie/ca non avìja fine) e forse lo stesso messaggio rimbalza a chi legge questi versi, perché ngi àdd’ ’a i’èsse na ngògna/ addò nu fiòre si spècchie (ci deve essere un canto/dove un fiore si specchia).
Ognuno poi affila il proprio canto:

Non facevo altro
che starmene ore ed ore
buttato sul lembo di rena
come una conchiglia
lacerata dal sale
senza sapere
che pure io l’avrei rinchiuso
per sempre
il pianto folle del mare
dentro il lenzuolo della pelle

Non facìje gàte
di mi ni stà a cape di gòre
scittète sope u lèmete di rène
com’ a na conchigghia
scinghiète du sale
sènze di sapè
ca pùre i avésse ’nchiùse
ppi ssèmpe
u chiànte pacce d’u màre
nd’u linzùle d’ ’a pelle

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...