Hrvatski

Christian thanks Marijana Sutic Pavlicevich and Sanja Sirec Rovis for the Croatian translation of the book “passing through New York”.

 

reazione della nostra velocità

Sulle scorie
mentre scelgo la polvere,
sui libri chiusi
come una scintilla morente
l’ingiusta giovinezza mia
addiziona le Madrid,
Rome coi tricolori,
Berlin bombardate,
Hiroshima vuote,
Paris occupate dai palazzi,
ciudad lacerate,
strappate e nervose
ginocchia che corrono.
Con una mente interna,
noncuranti del resto, benzina
pronta al riciclo, i nervi sfiatatoi allungano e tendono
l’umanità pompa, orecchie che in persistente nausea
suonano il timpano di verità allagate… Spesso, in periferia,
l’industria nel petto dell’uomo robot
è un nuovo cuore aperto
e bruciante
Eternità.
Guardami storia
mentre scelgo di piangere stamattina
la polvere sui libri chiusi
come una scintilla morente;
guarda l’ingiusta giovinezza mia
e della mia generazione
dissolvere queste.
Guarda

Tra i cespugli che passano, nuvole secche
di un deserto, l’uomo precipitato di città
rompe la carlinga
e quel volto
del senza corpo oramai,
la velocità immane
tenuta da forze
più grandi di qualsiasi forza,
si vede. Su innumerevoli giri di frequenza
questa velocità
dilania la poesia di Ezra
sul vento del potere Pound,
l’astronomia di Thomas
sulle navi di lobby e di metallo Ginsberg,
la ciurma salpata
con ali di muffa e soldi, sulle vergogne
tutto ciò che ha nome ignoranza…! …la guerra,
quella inosservata, che proclama
il suo individuo, sottraendolo
ad un universo diverso
che non pare umano ed è invece l’umano
prodotto della distillazione,
lo scarto del sistema
vomitante il suo polmone,
una costa di lettighe
intrecciate da chi è nulla… La morte
è il nostro contributo al progresso, storia?
Ma tra i cespugli che passano, nuvole secche
di un deserto, esplode la velocità come lo sgomento
di chi abbia visto il padre
urlare nella notte,
urlare tra le lenzuola
tremanti; vi coglie nella febbre
di ciò che preferireste dimenticare e non c’è
una coperta che possiate stendere.
Allora vi alzate,
sulla pelle
la velocità
non vi resiste
e sul deserto
dell’uomo precipitato di città
sciogliete il volto.
Dopo poco sapranno
cos’è la generazione.

 

Otpor naše brzine

Na troski
dok izbirem prah,
nad zatvorenim knjigama
poput kakve umiruće iskre
moja nepravedna mladost
zbraja Madrid,
Rim sa trobojnicom,
razrušene Berline,
ispražnjele Hiroshime,
Pariz zaposjednut zgradama,
razderane ciudad,
iščupana i nervozna
koljena koja trče.
S nekim unutarnjim umom,
ravnodušni prema svemu ostalom, benzin
spreman na reciklažu, živci, ispušni ventili, rastežu i napinju
čovječanstvo koje je pumpa, uši koje uz upornu mučninu
sviraju bubnjište potopljenih istina… Često, u predgrađu,
industrija u grudima čovjeka-robota
novo je srce otvoreno
i goruća
Vječnost.
Gledaj me, povijesti,
dok se odlučujem isplakati prah,
jutros, nad zatvorenim knjigama
poput kakve umiruće iskre;
gledaj nepravednu mladost moju
i moje (re)generacije
dok rastapamo ove.
Gledaj.

Između grmlja koje prolazi, suhi oblaci
pustinje, čovjek grada strmoglavljen
lomi trup aviona
i to lice
onoga koji već je bestjelesan,
strahovita brzina
pridržana snagama
većim od bilo koje snage,
vidi se. Na nebrojeno učestalim frekvencijama
ta brzina
razdire poeziju Ezrae
na vjetru moći Pounda,
Thomasova astronomija
na brodovima lobbyja i metala Ginsberg,
otplovila je rulja
na krilima od plijesni i novaca, na sramotu
svega što nazivamo neznanjem…! …rat,
onaj zanemareni koji objavljuje
svoga pojedinca otimajući ga
nekom drugom svemiru
koji ne izgleda ljudskim, ali je ljudski
proizvod destilacije,
otpadak sistema
koji povraća svoja pluća,
rebro sastavljeno od nosila
isprepletenih od strane onih koji su ništa… Smrt
je naš doprinos napretku, povijesti?
Ali, između grmlja koje prolazi, suhi oblaci
pustinje, brzina raznesena zaprepaštenjem
onoga koji je vidio oca
dok viče u noći,
dok viče između plahta
drhtavih; zatiče vas pod temperaturom
onoga što biste rado zaboravili i ne postoji
prekrivač koji biste razastrli
ispod plahta…!
Stoga ustajete,
na koži
brzina
vam ne može odoljeti
u pustinji
čovjeka grada strmoglavljena
otapate lice.
Nakon nekog vremena znat će
što je to (re)generacija.

Marijana Sutic

 

Argentina

Sulla strada di ferro di un proiettile che sibila,
Argentina, io vedo
le tue automobili bruciate e sono mare,
incendio,
folla, mare, incendio: è il tempo
della poesia che non serve a nulla che divampa…
Quando la protesta l’afferra e se la mangia
dissemino ossa,
angelus stecchiti di radici
capovolte e rami consumati: le molotov
piovono oltre la mia corsa.
La tua carne poesia io rubo al supermercato
tagliando l’orrore con mani insanguinate
– tu che sfidi l’esercito e lo batti,
affondando
non sei distruzione!

Argentina, io vedo
sulla strada che porta al nulla
che il bisogno è poesia,
l’osso della verità.

Argentina,
io scaglio i tuoi morti per questo bisogno
sul parlamento dei poeti.

Argentina

Na željeznoj cesti od piskutava projektila
vidim, Argentino,
tvoje izgorjele automobile i more sam,
požar,
mnoštvo, more, požar: vrijeme je
poezije koja ničemu ne služi i bukti…
Kada prosvjed ju zgrabi i pojede
rasipljem kosti,
osušene angeluse izokrenuta
korijenja i izgriženo granje: molotov
padaju brže od moga trčanja.
Tvoje meso, poezijo, kradem u trgovini
krvavih ruku režući užas
– ti koja vojsku izazivaš na dvoboj i pobjeđuješ,
potopljena, nisi uništenje!

Argentino, ja vidim
na cesti koja nikamo ne vodi
da potreba je poezija,
srž istine.

Argentino,
iz potrebe bacam tvoje mrtve
na parlament pjesnika.

Marijana Sutic

 

passaggio sui grattacieli

Questo strano tramonto
liberato dai versi
mentre parli di sentirci più spesso
– quanto un cuore può udire
soffiando una foglia,
aria sulla mia bocca –
in ogni direzione vibri
corre nel mondo.
Quando io imparavo da te e tu imparavi da me
a portare nello sguardo parole
che se no non sarebbero state,
era tempo in cui pensavamo
che nulla sarebbe accaduto
senza quel passaggio sul Sole. Non pensavamo,
era il domani.

Prolaz kroz nebodere

Ovaj neobičan zalazak
oslobođen stihovima
dok mi govoriš da se čujemo češće
– koliko može čuti srce
raspuhujući list,
zrak na mojim usnama –
titraš u svim smjerovima
šireći se po svijetu.
Dok sam ja učio od tebe i ti od mene
nositi u pogledu riječi,
kojih inače ne bi bilo,
u doba u kojem, mislili smo,
ničeg ne bi bilo
bez onog prolaza na Suncu. Nismo mislili,
bilo je Sutra.

Sanja Sirec
 

passaggio dell’amore
sulla rivoluzione di una poesia di Jacques Prévert
voglio solo te
voglio solo te
voglio solo te


Prolaz ljubavi
o revoluciji jedne poezije Jacquesa Préverta

želim samo tebe
želim samo tebe
želim samo tebe

Sanja Sirec

passaggio sull’infinito che sento di te

Quando ti accarezzo per un bacio
è perché sento l’emozione di te
aprirsi un varco tra le parole,
quelle mani d’infinito. Vorrei
non sapere dello spazio che ovunque si estende
per non esser così sciocco da descriverti i capelli:
si sciolgono come un oceano sulla mia bocca
mentre li scosto per il collo.
Il colore che contengono le parole si è espanso
mescolandosi alla forza dello sguardo
che sento come una carezza sulla nuca
eppure non vedo.

Prolaz bezkrajnosti kojeg mi šalješ

Mazim te zbog poljupca
jer osjećam uzbuđenje
otvarajući put u riječima,
rukama beskrajnosti. Želio bih
ne znati za prostor koji se širi posvuda,
da ne budem toliko lud da ti opisujem kosu:
raspliće se poput oceana na moja usta
dok je mičem s tvoga vrata.
Boje koje sadrže riječi razlile su se
mješajući snagu pogleda
koji osjećam kao milovanje na potiljku
iako ne vidim.

Sanja Sirec

passaggio sulla massa critica

Non voglio tu sappia che ai piedi poso
la sabbia. In mezzo al mare
un mucchio ne faccio dove l’onda salta
(finché non anneghi, non sei piena
che si versa sul mucchio).

Prolaz kroz kritičnu masu

Ne želim da saznaš da na stopala odlažem
pijesak. Nagomilavam ga
usred mora, val ga preskače
(dok se ne utopiš nisi povodanj
koji pršti na gomilu).

Sanja Sirec

passaggio di Belfast

Ho raccolto le tombe sui fiori
del sonno che non aveva pace stanotte
nell’Ulster dove le manifestazioni di orangisti e cattolici
sono per lo più pacifiche; poi si prendono di mira
i mattoni della povertà e vengono fatti esplodere
come acini maturi sotto le costole delle case.
Conosco bene questa riva per dirti
che non trovo onde che si possano giudicare.
Il moto complessivo è un asfalto grigio o una pietraia
che distribuisce questi grappoli ai bimbi,
un mare di sassi che spiana la chiesa ai sentimenti di vendetta,
carrucole che si immergono nel dove colpire o come colpire
perché è il lutto – il lutto deve essere
la risposta all’odio che si prova
dopo il dolore. Il dolore non passa
e così facendo abbiamo aggiunto odio al dolore
sulla povertà dei mattoni e delle case che ci siamo costruiti
o che abbiamo acquistato per un annuncio abbandonato del giornale
con le piante grasse delle nostre attenzioni
a straziare il sentire. Non aderire
come la polvere moltiplicando l’effetto di mille volte alle parole
dei tuoi politici, di capi religiosi che promulgano odi invasati
di vendette per un nemico inesistente, come la voce
di un megafono sopra le macerie,
perché le macerie
non sono propaganda,
le macerie
di tutto il mondo sono da innalzare
a problema.

Prolaz kroz Belfast

Ubrao sam grobove nad cvijećem
sna koji nije imao mira noćas
u Ulsteru gdje su manifestacije protestanata i katolika
više no miroljubive; jer ciljaju na
cigle sirotinje i dižu se u zrak
kao zrna zrelog grožđa pod rebrima kuća.
Dobro poznajem ovu obalu i stoga ti mogu reći
da ne nalazim valove koje je moguće osuditi.
Svo to gibanje sivi je asfalt ili kamenjar
koji dijeli djeci ove grozdove,
more kamenja što sravnjuje crkvu prema osjećajima osvete,
koloture koje tonu u gdje pogoditi ili kako pogoditi
jer korota je – a korota mora biti
odgovor mržnji koja se osjeća
nakon boli. Bol ne prolazi
i tako smo dodali mržnju boli
na cigle sirotinje i kuće koje smo sagradili
ili koje smo kupili preko oglasa ostavljenog u novinama
žednjacima naših pažnji
razdiranih osjećajima. Ne prionuti
kao prašina umnožavajući učinak od tisuću puta riječiju
tvojih političara, religioznih vođa koji obzananjuju mržnje opsjednute
osvetama nepostojećem neprijatelju, kao glas
na megafonu nad ruševinama,
jer ruševine
nisu propaganda,
ruševine
čitavog svijeta stvaraju
probleme.

Sanja Sirec

melodie finali
di Edgar Allan Poe per ANNABEL

Il mare è informe. Non sarà possibile resistergli né lanciare
la voce: è un denso infinito. Ma se pure il suo colore ti
dovesse balenare, ti avvolgesse la pelle abito di stoffa, non
ne saresti inghiottita: ciò che non pensi ancora è, il mare
informe… Negli impiegati, sulle strade, sul cielo metallico
dell’autobus, nei nuovi quadri di Van Gogh e sul grande
impresario dell’opera, nella sala d’aspetto della ferrovia,
oltre il veicolo, nello sguardo sui tuoi sogni, il mare informe
è la tua esistenza. Non è un ricordo di un’altra epoca, i cui
contorni sfumano in corridoi, ma l’imprevedibile
connessione d’elettrici campi gialli, di una materia grigia, di
sinapsi, un magnetismo di corpi vicini e lontani, brevi
insoluti attimi di sacro. La realtà che noi vogliamo aspetta
allora che ci fermiamo: ecco la scintilla immobile sulla
rotaia, vedi, raccogliamo i frutti proibiti sotto la costa e
riemergiamo; le vigne e l’aria ancora fresca penetrano i
polmoni, la profondità è il tuo respiro. C’è un attimo, una
scintilla che da tutta sé stessa per splendere.

[…]

Stamattina il telegiornale ha falsi sorrisi, domani ci sarà la
pioggia. Gli angeli si spargono come fiumi di militari in lotta. In
cielo la pozzanghera incide in me l’aroma di te che ancora
dormi. “Un vento spazzerà via le incomprensioni” dico, ma
ancora dormi. Dormi, mi avvicino al letto. Gli spasmi aerei sono
uno stridio. So che non te ne frega amore perché sei grande. So
che non te ne frega del mondo perché siamo più, nell’essere l’un
per l’altro. ANNABEL, dichiarazioni di guerra, ANNABEL, non
ci divideranno, ANNABEL, i sepolcri sonori, ANNABEL, non
ci divideranno. ANNABEL, mia bellissima ANNABEL,
l’orchestra la cui unica parola sei tu mi suona, mi suona.

[…]

Ho parlato con la pastiglia che devi assumere per sentirti
bene: m’ha detto che alla fine dell’effetto si sentiva tradita
dagli affetti. Poi mi sono accorto che era falso, immaginato.
Che ne sa una pastiglia delle parole? Che ne sa del mio
amico morto impiccato? Che ne sa? Sa delle lontananze in
cui scorre la curvatura improvvisamente solare? Non sa
l’endorfina, che il corpo produce. Non sa il nostro amore.
Che ti sto perdendo.

[…]

Quando? Quando si distilla l’odio dal dolore e dall’odio la
decisione. Quanto è il gradimento televisivo? Se il mio crollo
su di te è lo specchio di un pozzo, grembo l’uno dell’altro, tu?

[…]

Non più liberi, chi vorrebbe farci credere la parola non
ricorda che ha cambiato i secoli, costretto eserciti a ripiegare,
sillabe che possono far saltare. Non più liberi, non credete a
tante parole: non sanno che hanno visto una sola parola. Non
credete a parole di chi non abbiate sentito una volta piangervi,
ridere e abbracciarvi subito dopo. Noi siamo liberi, non siamo
liberi. Non credete che abbia ragione chi ama?

završne melodije
Edgar Allan Poe, posvećeno ANNABEL

More je bezoblično. Neće biti moguće odoljeti mu niti dobaciti
glas: ono je gusta beskonačnost. A da te i zabljesne
njegova boja, kožu obavije haljinom od tkanine, ne bi
te progutalo: ono što ne misliš još uvijek jest, more
bezoblično… U službenicima, na ulicama, na metalnom
nebu autobusa, na novim Van Goghovim slikama i u velikom
opernom impresariju, u željezničkoj čekaonici,
izvan vozila, u pogledu na tvoje snove, bezoblično more
tvoje je postojanje. Ne radi se o sjećanju na neka druga vremena
čiji obrisi ishlapljuju po hodnicima, već o nepredvidljivoj
vezi između žutih električnih polja, sive materije,
sinapse, magnetizma između tijela udaljenih i bliskih, kratkih
neriješenih trenutaka svetosti. Stvarnost koju želimo čeka
da se zaustavimo: evo nepomične iskre na tračnici,
pogledaj, skupljamo zabranjeno voće ispod obale i zatim
ponovno izranjamo; vinogradi i svježi zrak probijaju
pluća, dubina tvoje je disanje. Postoji trenutak, jedna
iskra koja daje cijelu sebe kako bi sjala.

[…]

Jutros se tv vijesti lažno osmijehuju, sutra će padati
kiša. Anđeli se razlijevaju poput rijeka vojnika u boju. Na
nebu lokva urezuje u mene tebe koja još uvijek
spavaš. “Vjetar će raspršiti nerazumijevanje” kažem, ali
ti jos spavaš. Spavaš, približavam se krevetu. Zračni mišićni
grč škripanje je. Znam da te nije briga ljubavi jer si velika. Znam
da te nije briga za svijet jer smo više, budući smo jedno
za drugo. ANNABEL, ratne izjave, ANNABEL, neće
nas razdvojiti, ANNABEL, zvučne grobnice, ANNABEL, neće
nas razdvojiti. ANNABEL, moja prekrasna ANNABEL,
orkestar čija jedina riječ si ti svira mi, svira mi.

[…]

Razgovarao sam s tabletom koju trebaš popiti kako bi se osjećala
dobro: rekla mi je da kad efekt prestane osijeća se izdanom na
afektivnoj razini. Zatim sam shvatio da je sve to bilo lažno, umišljeno.
Što jedna tableta uopće zna o riječima? Što uopće zna o mom
prijatelju koji se objesio? Što ona zna? Zna li o udaljenostima
kojima protiječe iznenada osunčana krivulja? Ne zna to
ni endorfin kojeg tijelo proizvodi. Ne zna naša ljubav.
Da te gubim.

[…]

Kada? Kada se mržnja destilira iz boli, a iz mržnje
odluka? Koliko je televizijsko zadovoljstvo? Je li moj pad
na tebe zrcalo nekog bunara, krilo jedno drugome, ti?

[…]

Ne više slobodni, tko nas želi uvjeriti u riječ ne
zna da je izmijenio stoljeća, prisilio vojske na povlačenje,
slogovi koji mogu izbaciti. Ne više slobodni, ne vjerujte
svim tim riječima: nisu svjesni da su vidjeli i jednu riječ. Ne
vjerujte riječima onoga koga niste bar jednom vidjeli plakati pred
vama, smijati se i odmah zatim zagrliti vas. Mi smo slobodni, nismo
slobodni. Ne mislite li da je u pravu onaj koji voli?

Marijana Sutic

passaggio sui grattacieli
di una poesia di Matteo Danieli e di Rafael Alberti

Questo strano tramonto
liberato dai versi
mentre parli di sentirci più spesso
– quanto un cuore può udire
soffiando una foglia,
aria sulla mia bocca –
in ogni direzione vibri
corre nel mondo.
Quando io imparavo da te e tu imparavi da me
a portare nello sguardo parole
che se no non sarebbero state,
era tempo in cui pensavamo
che nulla sarebbe accaduto
senza quel passaggio sul Sole. Non pensavamo,
era il domani.

 

prolaz po neboderima

jedne pjesme Mattea Danielija i Rafaela Albertija

Ovaj čudan sumrak
oslobođen stihovima
dok govoriš da čujemo se češće
– koliko toga može čuti srce
dok odpuhuje list, učinivsi da postane
zrak na mojim ustima –
u kojem god smijeru da titra
u nama trči i po svijetu.
Dok učio samod tebe i ti od mene
kako u pogledu nositi riječi
koje drukčije ne bi ni postojale,
bilo je to vrijeme  kada smo mislili
da se ništa ne može zbiti
ako se ne prošećemo Suncem. Nismo mislili,
bilo je sutra.

Marijana Sutic

passaggio sulla fenice della poesia

Poiché mi alzo in piedi e l’energia
esplode, il corpo si genera –
la volontà è della mia creazione e della mia natura.
Perché oltre ogni dove esisto,
in questo luogo scendo
come lacrima
su un volto di fiamma, fiume
sulla cenere che rimane.

Così quando tenere questo mondo sul pensiero
è creazione, senza fine e senza sosta cacciavite dell’eterno
io sono la madre.
In questo vivo, non sogno: esiste.
Ma quando la distruzione
alimenta,
in qualsiasi scenario
è un brivido, è la fame
di giustizia… E’ difficile allora, amando
sul cemento che si sgretola, rinascere col tempo?

Estirpami,
non avere rimorso,
sarò un fiore secco. Bruciami,
poi il verde che non ha fatiche né problemi a flettersi al freddo
che da sempre spezza la storia riconoscerà nell’aria
sul volto della fragilità
un percorso verso l’alto
e rinascerà con la sua voglia senza padroni
grazie al gelo
che non resiste.

prolazeći feniksom poezije

Budući da sam na nogama i energija
raspršuje se, tijelo nastaje –
volja za vlastitim stvaranjem i vlastitom prirodom.
Jer izvan svega gdje jesam,
na ovome mjestu silazim
poput suze
niz lice od plamena, rijeka
po pepelu koji ostaje.

Stoga, dok stvaranje znači zadržati svijet
na mišljenju, bez kraja i bez odmora odvijač vječnosti
ja sam majka.
Po tome jesam živ, ne sanjam: postoji.
Ali, dok uništavanje
prehranjuje,
u bilo kojem scenariju
postaje drhtaj, glad
za pravdom… Teško je tada, ljubeći
na cementu koji se mrvi, s vremenom ponovo se roditi?

Iskorijeniti se,
nemati grižnju savjesti,
postati osušeni cvijet. Zapali me,
i zelenilo  koje ne osijeća napor niti probleme dok se savija na hladnoći
koja oduvijek lomi povijest, u zraku će  prepoznati
na licu krhosti
put prema visini
i ponovo se roditi sa svojim htijenjem bez gospodara
zahvaljujući studeni
koja ne odolijeva.

Marijana Sutic

 

illuminazione
sulla recinzione che stringe Gaza

In una corrente segreta di vapore
quando i fiumi acquistano le notti della mia preghiera,
si rivoltano nei letti, mi si stringe lo stomaco
e le budella compaiono tra le ghiaie rubate
sugli obiettivi del cameraman, dall’inviato
dove crolla la civiltà della comunicazione;
quando scoppia la testa dal dolore
per il mondo che si spezza,
quel bambino è morto
crivellato di colpi.

Non sarà la natura
maligna di quel bambino palestinese
che ha testa, piedi e mani come le mie
a scavare buchi profondi come una trottola,
a scavare fiumi di preghiera per scongiurare
il carrarmato sulla terra promessa, slanciato
sui deserti luminosi come un immenso dolmen.
Né le bombe umane pronte a scoppiare
raddoppiando la distanza, né il sapere
delle scorie di epoca
coloniale, l’inutilità della tragedia
della guerra mondiale.

L’arma più veloce
a forare l’ipocrisia della politica
è la sua volontà di una sterile pace
dopo la morte dell’universo.

prosvjetljenje
na temu pojasa Gaze koji se sužava

U tajnoj struji dima
dok rijeke zadobivaju noći moje molitve,
izokreću u krevetu, steže mi se stomak
i crijeva pojavljuju zajedno s ukradenim šljunkom
na objektivima kamermana, u izvjestitelja
gdje ruši se civilizacija komunikacije;
kada glava se raspukne od boli
zbog svijeta koji se lomi,
onaj dječak mrtav je
izrešetan udarcima.

Neće izopačena
priroda toga palestinskoga dječaka
koji ima glavu, noge i ruke poput mojih,
iskopati poput zvrka duboke rupe,
iskopati rijeke molitve kako bi protjerala
tenk sa obećane zemlje, izbačen
u svjetlost pustinje poput beskrajnoga dolmena.
Niti ljudske bombe koje su spremne eksplodirati
udvostručujući udaljenost, niti spoznaja
ostataka kolonijalne
epohe, uzaludnost tragedije
drugoga svjetskoga rata.

Najubojitije oružje
koje izbušiti će licemjerstvo politike
njena vlastita je želja za sterilnim mirom
nakon smrti svemira.

Marijana Sutic